· 

OGGI PASTA?

un barattolo di pasta fresca, si parla di alternative a questo piatto nazionale per un'alimentazione più equilibrata

Da buoni italiani, siamo quasi tutti abituati a considerare la pastasciutta il primo piatto per eccellenza. 

Possiamo gustarne molteplici formati, ognuno con il suo specifico condimento, tradizioni locali e ricette regionali, corta, lunga, fresca, trafilata al bronzo, non c'è che l'imbarazzo della scelta.

Senza nulla voler togliere alla cucina nazionale e senza doverci privare di questo piacere, dobbiamo però essere consapevoli del fatto che mangiarne tutti i giorni (e magari più volte al dì), può non essere particolarmente benefico per il nostro organismo.

Bisogna però sfatare un mito: questo alimento non va eliminato dalla nostra dieta, a meno che, ovviamente, non ci siano particolari problemi di salute (per esempio la molto diffusa celiachia).

 

E' un'ottima fonte di energia poichè è ricca di carboidrati complessi e digeribili. Non è nemmeno corretto dire che fa ingrassare, dobbiamo per questo fare molta più attenzione a quantità e condimenti.

La pasta, inoltre, migliora l'umore: contiene infatti triptofano, il precursore della serotonina (mediatore del buonumore, appunto!).

 

Ma... sì c'è un ma!

La raffinazione della farina che viene utilizzata per la produzione di questo cibo, elimina praticamente tutte le sostanze nutritive del grano ed inoltre spesso prevede metodi di lavorazione in cui vengono utilizzati additivi nocivi per il nostro organismo.

Altro tasto dolente riguarda l'assunzione di glutine: nonostante non sia dimostrata la necessità di  eliminarlo dalla nostra dieta, un consumo eccessivo può portare ad intolleranze o intossicazioni.

Ricordiamoci sempre che anche il cibo migliore, il più benefico e ricco di nutrienti, se mangiato troppo o troppo spesso, porta comunque squilibri e ha diverse controindicazioni!

 

La soluzione ideale è, quindi, quella di variare spesso e volentieri; in questo modo daremo al nostro corpo tutto quello di cui ha bisogno per funzionare al meglio.

Le alternative alla pasta tradizionale sono numerosissime: possiamo sostituirla con tutti i tipi che, pur mantenendo la forma originale, sono fatti di riso, mais, cereali misti e perfino di legumi...

Ancora meglio se introduciamo nella nostra quotidianità i cereali in chicco. Nella loro versione integrale (facendo però attenzione a provenienza e a metodi di coltivazione) mantengono inalterate le loro proprietà, hanno una buona quantità di fibre e e hanno ovviamente subito molte meno lavorazioni.

 

Vediamo nel dettaglio i cereali più diffusi e più facili da reperire:

RISO INTEGRALE: è facilmente digeribile, apporta una buona dose di vitamine e contiene inoltre acido fitico che aiuta l'organismo ad espellere veleni.

I suoi nutrienti vengono ben assorbiti a livello intestinale e ha un effetto regolatore sulla flora batterica. Ha molto potassio e poco sodio e può essere quindi tranquillamente utilizzato anche da chi soffre di ipertensione.

ORZO DECORTICATO: è considerato un alimento rimineralizzante, contiene infatti discrete quantità di fosforo, potassio, magnesio, ferro, zinco, silicio e calcio, oltre che a vitamine del gruppo B e vitamina E.

Ha proprietà spiccatamente antinfiammatorie, è utile per contrastare a stitichezza e stimola la digestione.

MIGLIO: anch'esso ricco di sali minerali, è molto energizzante. Ha proprietà diuretiche e contiene acido salicilico. Diminuisce e neutralizza l'acidità, combatte l'anemia e cura le disfunzioni di pancreas e fegato.

FARRO DECORTICATO: ha una buona quantità di proteine, ferro e molta fibra. Contiene diverse vitamine, sali minerali e oligoelementi. E' adatto a chi soffre di diabete perchè evita i picchi glicemici, utile per chi ha problemi di anemia e aiuta ad abbassare i livelli di colesterolo nel sangue. 

A questi vanno poi aggiunti gli pseudocereali, che, pur non appartenendo alla famiglia delle graminacee, hanno caratteristiche simili. 

Tra questi troviamo ad esempio il GRANO SARACENO, che regolarizza l'intestino, e la QUINOA, alimento molto equilibrato e utile per la crescita.

 

Ciascuna di queste alternative si presta a interessanti abbinamenti e alla preparazione di piatti sani e gustosi, ed in più portano vantaggi e miglioramenti alla nostra vita. Ma se sei titubante o non sai bene come apportare questi cambiamenti nella tua alimentazione, sono a tua disposizione! Uno degli aspetti che possiamo trattare durante una  consulenzanaturopatica , riguarda proprio la scelta di cibi che ti piacciono ma che, soprattutto, siano adatti per il raggiungimento del tuo benessere!

Non esitare a contattarmi per qualsiasi dubbio...

A presto

Sara 

 

Scrivi commento

Commenti: 0