· 

EDUCARSI AL CAMBIAMENTO SI PUO'

due uccellini che si avvicinano su un filo, rappresenta l'unione di due individui.

Parlane, chiarisci, esprimiti...

la comunicazione è uno dei fondamenti della nostra esistenza e su questo non ci sono dubbi. Si viene spesso esortati a dialogare per risolvere i conflitti, utilizzando le più disparate tecniche e mettendosi in gioco: prestando più attenzione, facendo leva sulle proprie abilità di ascolto, di empatia, di non giudizio. Tutto è assodato da tempo immemore, ma è sempre sbalorditivo quando ci si riflette e ancora di più quando lo si vive, riscontrandone gli effetti sul piano della realtà.

Come tutte le regole che si rispettino, anche questa ha la sua eccezione. Talvolta, soprattutto nelle dinamiche di coppia, funziona al contrario.

Provo a spiegarmi meglio.

Talvolta i rapporti a due vanno in profonda crisi non per un motivo di reale gravità ma perchè ci si allontana per quelle che comunemente vengono definite "incompatibilità caratteriali".

In questi casi, quando ci si conosce abbastanza a fondo, bisognerebbe approntare qualche piccola modifica nel modo che si ha di porsi, piuttosto che incaponirsi nel voler ad ogni costo discutere nei momenti di tensione ed in quelli in cui si cerca di recuperare.

La minuziosa ricerca di significati o retrosignificati, il voler ossessivamente andare a scandagliare motivi e avvenimenti, azioni e reazioni, il fossilizzarsi nella tal parola o su un presunto strano sguardo, si rivelano spesso mezzi deleteri al benessere della coppia in difficoltà. L'uno tende a sfogarsi sull'altra, anzichè ascoltare il partner con attenzione, vedere la realtà oggettivamente e considerare nuove vie percorribili. L'aspetto emotivo ingloba e distorce i fatti rendendo molto complesso il riavvicinamento.

Consiglio pratico: evitare di affannarsi per trovare le parole giuste da dire (e soprattutto la modalità con cui si pronunciano) quando si è in uno stato di eccessiva sofferenza. 

Sforzarsi invece di modificare, imparando gradualmente a controllarsi sempre di più, qualche comportamento che riconosciamo non essere gradito. Questo trasmette in modo chiaro ed immediato le tue reali intenzioni, la tua voglia di rimetterti in gioco per migliorare la qualità della vita come singolo e come coppia, stimolando l'altra persona a fare lo stesso. 

Basta veramente poco, si tratta di smussare qualche asperità, che aiuta anche noi stessi a vivere meglio e si ottiene in cambio moltissimo. 

Minimi cambiamenti che producono autentici miracoli.

Prova e fammi sapere.

Scrivi commento

Commenti: 0