· 

ASCOLTA LA TUA ANSIA

di Morena Morello 

 

I disturbi legati all'ansia sono tra i problemi psicologici più frequenti nella popolazione; altrettanto diffusi sono i trattamenti (soprattutto farmacologici) atti a tamponare il sintomo e che ignorano l'origine e i fattori che ne supportano la manifestazione. 

 

Una delle principali cause di questa condizione di malessere è la percezione di un'importante discrepanza tra l' "Io ideale" e l' "Io reale", cioè tra la vita che conduciamo e quella che vorremmo. 

 

Se per un periodo prolungato fingiamo di non riconoscere i nostri desideri e non combattiamo per creare il nostro presente, scatterà un segnale d'allarme nel nostro sistema biologico: l'Ansia. 

 

Nella vita di ciascuno di noi, sono presenti obblighi e sacrifici ma se questi prendono il sopravvento a lungo termine sulle nostre necessità di individui, la strada che stiamo percorrendo non è giusta per noi e l'ansia accende la sua spia rossa. Ecco che compaiono tachicardia, sudorazione, nausea, tremori, respiro corto... 

 

Qualsiasi cosa che agisca sul sintomo è senz'altro utile sul contingente, ma se non agisco sul mio stile di vita, il sollievo sarà solo temporaneo. 

 

L'origine del problema può dipendere dai più svariati motivi, ma tutti hanno in comune il sacrificio delle proprie necessità o dei propri valori. 

 

Seguendo questa linea di principio appare chiaro che la chiave sia, come sempre, un'approfondita conoscenza delle proprie emozioni, coltivando la capacità di mettersi in ascolto; in questo modo quasi certamente emergerà un'insoddisfazione personale legata ad un senso di frustrazione e disagio.

 

Iniziare un buon percorso, affiancato da un professionista qualificato, permetterà alla persona di stabilire nuovi obiettivi per realizzare un progetto di vita più simile a sé. 

 

Se ti sei riconosciuta in queste righe e vuoi approfondire l'argomento, scrivimi! 

 

Scrivi commento

Commenti: 0