· 

AI BAMBINI DEL MIO CUORE

di Morena Morello

 

Cari bambini, non so neppure da che parte cominciare...

Quest'anno il Carnevale è stata la festa più triste che io ricordi, perché in quei giorni già si sapeva che non saremmo tornati a scuola e che il motivo non sarebbe stato piacevole. 

Ho subito pensato a quale poteva essere la vostra reazione alla notizia, a come avreste trascorso il tempo, a quanto vi sareste annoiati ma anche a come avreste approfittato alla presenza dei genitori tutti per voi... 

Ho pensato a tutto questo e a molto di più. 

Il programma scolastico intanto è inevitabilmente rimasto indietro, ma questa è l'unica cosa che, in realtà, non mi turba. 

La cosa che davvero mi lascia un profondo vuoto è la mancanza della relazione. 

Il contatto con i bambini, lo sguardo, la presenza fisica è la parte più importante del mio lavoro; ed è quella che davvero amo e rende funzionale il mio intervento, perché trasmette la parte più autentica di ciascuno di noi e ti permette di empatizzare soprattutto con chi è in difficoltà. 

Per i bambini è la stessa cosa. Non ci sono lezioni online che tengano. 

A loro manca la tua persona. 

E dobbiamo ringraziare ogni giorno il cielo che sia così. 

A presto bimbi, come prima, meglio di prima. 

 

 

Scrivi commento

Commenti: 0