· 

LA FIGURA DEL NATUROPATA

C'è ancora un po' di confusione per quanto riguarda la professione del naturopata; spesso mi sento chiedere " ma esattamente che cosa fai?"

Non c'è nulla di strano in questo, perchè in un momento storico in cui le discipline olistiche stanno, fortunatamente, (ri)prendendo piede, le persone sentono parlare di mille tecniche diverse, di infinite professioni legate al benessere e si rischia di fare un po' di confusione. 

Partiamo quindi con ordine: innanzi tutto compito del naturopata è seguire quelle persone che, pur non avendo ancora sviluppato patologie vere e proprie, vivono dei disagi di tipo fisico, mentale e spirituale. 

Parlo di tutti e tre gli aspetti perchè sono strettamente legati fra di loro, e non possiamo permetterci di fortificarne uno e di trascurare gli altri.

Il naturopata, di fronte a questa condizione di disequilibrio, fornisce strumenti efficaci ed un supporto costante perchè si possa ritrovare il benessere e la serenità.

Aiuta a riconnettersi con quella  capacità di autoguarigione che è innata nell'essere umano. 

Ci sono davvero tanti strumenti che possono essere utilizzati per operare questo cambiamento e sta proprio nella professionalità del naturopata, il costruire insieme al cliente il percorso migliore per ottenere il risultato che si è prefisso, senza forzature e soprattutto rispettando i suoi tempi e la sua sensibilità.

Quali sono questi metodi? Vediamone alcuni:

Alimentazione equilibrata.

Secondo la mia opinione, è uno degli aspetti fondamentali da considerare quando si decide di migliorare la propria vita. Il cibo è uno strumento potentissimo per dare a noi stessi la giusta dose di energia. Troppo spesso ce ne dimentichiamo e consideriamo questo aspetto assolutamente trascurabile.

Pensate, però, cosa succede se ad un'automobile non diamo il carburante giusto... Si guasta! E nessuno, neanche il più inesperto fra di noi, se ne stupisce.

Possiamo aspettarci un risultato diverso, se ingolfiamo il nostro fisico con cibi non adatti?

Questo non significa necessariamente affrontare un periodo di rinunce e di sofferenze per stare meglio. Imparare a ascoltare i nostri bisogni e a seguire un'alimentazione più adatta alle nostre esigenze, può essere molto più piacevole del previsto, se ci si affida alle mani giuste.

Analisi Iridologica.

Questa tecnica di tipo riflessogeno, si basa sul concetto che, in alcune parti del nostro corpo, è possibile trovare la rappresentazione di tutto il nostro essere. Sono molto conosciute ad esempio, la riflessologia fatta su piedi, mani, orecchie etc... La lettura dell'iride, secondo me, brilla per la sua immediatezza e chiarezza. Sappiamo che nell'iride è possibile trovare un riflesso biologico del sistema nervoso autonomo, del sangue e delle memorie genetiche dei tre foglietti embrionali; abbiamo così la possibilità di analizzare lo stato di livello tossinico dell'organismo, le predisposizioni potenzialmente patologiche dei vari apparati e far luce su eventuali stati di sofferenza dei vari organi.

Ma non solo... negli ultimi anni, grazie al lavoro e alla ricerca di eminenti iridologi in tutto il mondo, abbiamo la possibilità di andare ancora più a fondo e di analizzare la parte mentale e spirituale dell'individuo. 

Fitoterapia e Floriterapia.

La prima è una pratica basata sull'utilizzo di piante medicinali per superare alcuni disturbi. L'approccio naturopatico, in questo ambito, non è tanto quello di consigliare una pianta per un sintomo specifico, ma quello di lavorare sempre in una prospettiva più ampia. Si cerca quindi di utilizzare le piante officinali con scopi preventivi, in modo da lavorare sul benessere psico fisico dell'individuo nella sua totalità.

La seconda è un rimedio di tipo vibrazionale, che si fonda sugli insegnamenti di Edward Bach, il quale è riuscito a creare 38 rimedi partendo da alcune piante e fiori, specifici per dei particolari stati d'animo. 

 

L'elenco delle tecniche potrebbe continuare praticamente all'infinito... si può passare dalle più fisiche, come i vari tipi di massaggi, a quelle più spirituali, come la meditazione per poi arrivare a quelle più energetiche come l'utilizzo di cristalli... come già anticipavo, l'importante è riuscire a trovare insieme al naturopata quelle che ci sembrano più adatte e congeniali alle nostre esigenze.

Così facendo, il percorso verso il raggiungimento del benessere sarà più semplice e piacevole.

Scrivi commento

Commenti: 0